Home » testi critici » Elisa Magri

Elisa Magri

.

Il Raggio di Sole
 
Spesso parliamo o pensiamo del raggio di sole, dopo una noiosa e prolungata pioggia, per esempio, ma è solo metafora.
 
Lughiaè stata abbagliata ed “illuminata” in modo rigenerante e sicuramente già germogliante in sé, dal raggio solare luminosissimo, quando le capitò di andare per la prima volta in Sardegna alla fine del 2002.
 
Lughia (antico nome sardo di Lucia) è nata artisticamente nella sua terra che ancora non conosceva, e né aveva coscienza della sua appartenenza a quella terra solcata per tantissimi secoli da popoli dissimili tra loro, dove le tracce del cammino umano sono ancora molto visibili.
 
Il naturale incantamento della Sardegna ha sommovimentato la sua sensibilità, arricchendola con una specie di transfert, donatole dai suoi antenati o predecessori, amanti dei luoghi e delle sensazioni vissute sin dalla notte dei tempi.
 
Così le creazioni o creature che Lughia compone, sorprendentemente ed emotivamente avvolgenti, sono dei luoghi-miraggi arcaici e bellissimi, magici e profusi di sacralità.
 
Lascio alla sensibilità che ognuno di noi porta con sé, scoprire le arcane “storie” che questa straordinaria autrice misteriosamente ci propone.
 
                                                                                                                                       Elisa Magri